www.iorappresentoilcambiamento.com  -  info@iorappresentoilcambiamento.com

IRIC - Io Rappresento il Cambiamento  

Movimento Politico  

Il Movimento Politico IRIC

Movimento Politico IRIC

Noi siamo un Movimento Nazionalista nato a difesa della patria e del suo popolo.

La concezione di IRIC si fonda sulla riconoscenza attiva nei confronti dei nostri padri, sulla difesa della vita e della famiglia, sull’amore per il prossimo e sulla dedizione e il sacrificio, guidati da una consapevolezza storicamente fondata e da una fede che ci differenziano in modo netto da visioni retoriche fondate su un generico sentimentalismo e su gravi compromessi con gli aspetti deteriori della modernità.

La difesa della vita dal concepimento alla morte naturale, l’amore per il prossimo, l’onore dovuto a chi ci ha generato ed educato, unite all’amicizia fraterna tra i membri di uno stesso popolo e verso coloro da cui discendiamo e ai quali siamo debitori di ciò che siamo e di ciò che abbiamo, costituiscono dunque quello spirituale patrimonio ereditario, in grado di offrire una reale speranza per il futuro, che ci impone il preciso dovere di donarci alla Patria, intesa come comunità di destino.

IRIC, consapevole delle vicende e delle esperienze storiche che hanno condotto con i loro esiti ai tempi attuali, nel rispetto della sua missione che mira alla Ricostruzione Nazionale, attinge senza pregiudizi al patrimonio complessivo della storia nazionale ed europea proponendo, a partire dai concetti già espressi di Patria e Nazione, un modello di Stato, autentica espressione della sovranità nazionale, che sia mezzo eticamente ordinato al conseguimento del bene comune che, basandosi sulla natura sociale dell’uomo, permetta a quest’ultimo di vivere bene in società, nel rispetto di una morale conforme al diritto naturale e alla legge eterna.

Noi lottiamo per una riforma strutturale dello Stato, in grado di restituire al popolo la consapevolezza della missione di civiltà che l’Italia ha il dovere di riconquistare, affinché possa essere garante di crescita sociale per la comunità che lo compone e lo alimenta, attraverso la partecipazione e il lavoro ed in continuità con la sua tradizione civile e religiosa.

Siamo convinti che la libertà concreta risieda nel riconoscimento delle condizioni tradizionali con un ritorno al reale in cui lo Stato, fondandosi sulla Nazione, assuma il compito della sintesi di tutte le sane esigenze della vita comunitaria e di tutte le energie creative di una specifica comunità umana, al di sopra degli interessi particolari di una classe e/o di una lobby e nel pieno rispetto del diritto alla speranza, doverosamente sostenibile, in un futuro che può essere garantito solo in continuità feconda con le tradizioni del passato.

L’attuale Unione Europea è fondata su valori distorti, econo­micistici e materialistici, che negano le identità nazionali e locali, assoggettandole ad un totalitarismo finanziario che deprime ed umilia le singole comunità, rendendole nei fatti più povere e meno libere.

I confini della nuova Europa dovranno, quindi, raccogliere tutte le patrie europee che siano per cultura e tradizione omogenee ed affini, ed è per questo che vediamo nella Russia un partner naturale per la politica e per lo sviluppo europei, trattandosi di una nazione che si trova in linea con il tradizionale universo di valori del nostro Continente escludendo da questa concezione dell’Europa paesi come la Turchia e Israele, perché lontane dal pensiero e dalla cultura che hanno edificato nei secoli l’identità dei popoli europei. Il ruolo di un’Europa così riformata sarà quello di ritornare ad essere portatrice di cultura, di libertà e di pace in tutto il mondo.

Per questi motivi ci battiamo per il blocco dell’immigrazione, finalizzato a distruggere l’identità europea, per l’uscita dell’Italia e dei Paesi europei dalla NATO, la chiusura delle sue basi e la cessazione dei rapporti militari di carattere subalterno e  coloniale dell’Italia e dell’Europa con gli Stati Uniti. 

Solo rigettando tutti gli ultimi trattati europei da Maastricht a Lisbona sarà possibile iniziare, assieme alla Russia, a molti Paesi dell’Est e ai Paesi mediterranei, un percorso di vera costruzione europea fondata sul Cristianesimo e la Tradizione romana, sul lavoro e non più sul capitale, sui popoli e non più sulle lobby.

Riteniamo che il nemico principale della speranza in una Rivoluzione Italiana ed Europea è costituito dal monopolio dei banchieri sulla vita delle famiglie e sulle attività delle imprese è, quindi, di fondamentale importanza che la moneta ritorni ad essere di proprietà degli Stati e, per loro mezzo, dei cittadini e che essi, quindi, esercitino, attraverso la nazionalizzazione delle Banca Centrali,  la propria sovranità nell’emissione del denaro

Chiamiamo dunque all’appello uomini e donne decisi a combattere le battaglie fondamentali della difesa della Famiglia, della Sovranità, dell’Onore e della Civiltà. Uomini e donne che saranno l’avanguardia di un popolo in ginocchio  che, forte della propria storia, della propria tradizione e della propria comunità, saprà rialzarsi e riconquistare la propria dignità e la propria libertà.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

https://www.facebook.com/iorappresentoilcambiamento